Lo stress è una sindrome di adattamento, cioè la risposta psicofisica ad una quantità di compiti cognitivi, emotivi e sociali percepiti dal nostro corpo come eccessivi. Oltre alle numerose conseguenze a livello psicologico, lo stress comporta direttamente la comparsa di sintomi psicosomatici, legati sia alla sfera fisica che a quella mentale: i disturbi psicosomatici da stress sono vere e proprie malattie, causate ed aggravate da fattori emozionali, ma operanti a livello organico.

Cosa è lo stress.

La sindrome dello stress, fenomeno sempre più diffuso, si manifesta attraverso un processo, che il medico Hans Selye ha definito ‘Sindrome Generale di Adattamento’ e che si compone di tre fasi distinte: fase di allarme, di resistenza e di esaurimento. Nella prima, il soggetto percepisce l’eccesso di compiti da svolgere e mette in moto le risorse necessarie per adempierli; nella seconda, il corpo cerca di combattere l’affaticamento prolungato, adattandosi alle nuove richieste, mentre nella terza le difese cedono definitivamente, causando la comparsa di sintomi fisici, fisiologici ed emotivi, sia episodici che cronici.

Sintomi psicosomatici da stress.

La psicosomatica è una branca della psicologia che si occupa della relazione tra la mente e il corpo, studiando il legame tra il mondo emozionale e i disturbi a livello fisico. I sintomi psicosomatici sono vere e proprie risposte del nostro organismo a situazioni di stress o disagio, che si riflettono negativamente sulla salute fisica.

Tra le cause principali possiamo trovare la comparsa di emozioni negative, come per esempio il risentimento o la preoccupazione, che mantengono il cervello in uno stato di eccitazione e portano il corpo ad uno stato di emergenza. Le conseguenze di questa situazione sono evidenti soprattutto sui sistemi gastrointestinale, respiratorio, cutaneo e muscoloscheletrico.

Tra i sintomi psicosomatici più comuni possiamo trovare:

  • mal di testa episodico o cronico;
  • stanchezza e spossatezza croniche;
  • ansia, isolata o ripetuta, dovuta all’eccessiva preoccupazione per i fattori esterni e il senso di impotenza di fronte ad essi, che si manifesta con sintomi come nausea, tachicardia o difficoltà di respirazione;
  • febbre, causata dal malfunzionamento del meccanismo del cervello che si occupa della regolazione della temperatura corporea;
  • colite, spesso legata alla manifestazione dell’ansia;
  • acne e dermatite.

Come combattere lo stress e i sintomi psicosomatici.

I sintomi psicosomatici sono curabili a partire dalla riduzione del livello di stress, ovvero la loro causa primaria. Il metodo più comune per combatterlo sono le tecniche di rilassamento mirate al controllo delle risposte fisiologiche al fenomeno dello stress e al raggiungimento di uno stato di relax, capace di diminuire i sintomi più evidenti. Tra queste tecniche troviamo la mindfulness, pratica di meditazione volta all’approccio consapevole alla vita e alle sfide che ci presenta. Altra soluzione efficace per i sintomi psicosomatici da stress sono i massaggi, in grado di procurare uno stato di rilassamento che previene la comparsa dello stress e delle sue conseguenze.

Per scoprire altri metodi utili a combattere lo stress leggi i nostri articoli sui cibi antistress e sulla pratica dell’arte. Informati inoltre sui nostri seminari e workshop riguardo la mindfulness e richiedila per la tua azienda!

Non perderti l’evento ShapeMe dedicato al Wellness at Work: ridurre lo stress e promuovere il benessere per migliorare i risultati della tua azienda. Il workshop è dedicato alla ricerca delle cause, dei sintomi e dei rimedi dello stress, fornendo alle aziende gli strumenti necessari per combatterlo investendo sul benessere dei propri collaboratori. La partecipazione è gratuita, ma i posti sono limitati: iscriviti ora!

Scritto da:
Martina
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato su tutte le ultime novità del Wellness per privati e per aziende!