Introduciamo il concetto di stress rispondendo a questa semplice domanda “che cos’è lo stress?” Lo stress è una risposta psicofisica a compiti di natura emotiva, cognitiva o sociale, anche differenti tra loro che il soggetto percepisce come eccessivi e a volte quasi insostenibili. Il processo di stress o così definito stressogeno non è immediato, ma si compone di tre fasi distinte:

1. allarme: il soggetto segnala l’eccesso di doveri e mette in moto le risorse per soddisfarli al meglio;

2. resistenza: qui ne stabilizza le condizioni e si adatta al nuovo tenore delle richieste;

3. esaurimento: in questa fase si registra la caduta delle difese e la successiva comparsa di sintomi fisici, fisiologici ed emotivi.

Lo stress è sempre stato un interessante argomento di analisi da parte degli studiosi durante il corso della storia, a parlarne per la prima volta fu Cannon che ne definì il concetto in generale, successivamente fu grazie a Seyle che attraverso degli esperimenti è stato in grado di riconoscere lo stress come una vera e propria patologia.
Per saperne di più dai un’occhiata al nostro articolo sulla storia dello stress.

Non tutti “gli stress” sono uguali

Ognuno di noi può essere sottoposto a diverse situazioni di stress, ma soprattutto non tutti reagiamo allo stesso modo, sia per un fattore fisiologico quindi un differente livello di difese immunitarie, sia per un fattore di tenore di vita. A seconda dell’intensità e della durata esiste una differente catalogazione di stress:
– acuto:avviene una sola volta e ha una durata limitata;
– cronico: la situazione di stress è di lunga durata;
– cronico intermittente:si verificano episodi di stress per periodi limitati ma abbastanza intensi, a volte anche prevedibile.
Esistono inoltre altre due tipologie di stress: distress ed eustress. Il primo si manifesta quando il livello di stress è molto elevato ed è definito come “cattivo” stress. L’eustress invece è una forma di stress del tutto positiva… Sì, hai capito bene, stress positivo! In questo caso lo stress viene recepito come motivatore e si manifesta in situazioni simili ad una sfida o una competizione, facendo sentire il carico della prova, spingendoci a portarla avanti: la pressione psicologica che si attiva in situazioni di questo tipo può stimolare il rilascio di endorfine rendendoci più felici e motivati. 

Quindi cosa possiamo considerare stressante?

Partiamo dal presupposto che quando parliamo di stress facciamo riferimento a un tipo di reazione che ognuno di noi ha davanti a episodi particolari, percepiti come troppo emozionanti, affannosi, che mettono pressione ecc. Un episodio che è ritenuto stressante per un soggetto non è detto che possa avere lo stesso effetto su un altro soggetto che vive la medesima situazione, quindi è bene tenere a mente che lo stress è del tutto soggettivo. Chiarito ciò possiamo passare ad analizzare quali potrebbero essere le cause e, perché no evitarle!

uomo stress

Al lavoro: insoddisfazione, forse abbiamo un lavoro che non ci appaga al meglio e svegliarci al mattino con la consapevolezza che quello che andremo a fare non ci soddisferà, a lungo andare potrebbe “ammazzare” completamente l’umore. Il sorriso al mattino è un buon alleato per combattere lo stress! Com’è strutturato il nostro lavoro? Quante ore di lavoro abbiamo durante un turno regolare? Quante responsabilità abbiamo? E’ fondamentale che l’ambiente in cui passiamo la maggior parte del nostro tempo sia un ambiente “sano”.
Stress da emozioni: vita privata poco soddisfacente? rapporto con gli amici poco leggero? perdite importante? relazione sentimentale in crisi? sei ricoperto da spese da pagare e non sai da dove iniziare? Il consiglio è quello di circondarsi solo di ciò che ci fa stare bene.

Come reagisce il nostro corpo?

I sintomi dello stress che sotto alcuni aspetti diventano anche le conseguenze si possono manifestare sotto punti di vista:
Emotivo: agitazione, frustrazione e cambiamenti d’umore repentini. Difficoltà a rilassarsi. Scarsa autostima, solitudine, depressione, preoccupazione costante. Tendenza a evitare la relazione con altre persone poiché non si è in grado di gestire al meglio le relazioni con altre persone.
Fisico: mancanza di energia, disturbi allo stomaco come diarrea, nausea, costipazione. Mal di testa, emicrania, dolori e tensioni muscolari, dolore al petto e battito accelerato, insonnia, raffreddori frequenti poiché le difese immunitarie si indeboliscono. Nervosismo e agitazione, ma anche vertigini e stanchezza.

Esistono rimedi?

Assolutamente si! Esistono rimedi contro lo stress. Ne proponiamo alcuni del tutto naturali, pratici e applicabili in ogni momento della giornata.
Respira profondamente. Aiuta ad eliminare l’eccesso di ossigeno nel corpo.
Prendersi una pausa. Fai delle pause con lunghe passeggiate, cerca di distrarti appena possibile. Ricorda che non siamo macchine!
Biancospino e Melissa. Queste erbe hanno dei principi rilassanti, definite piante medicinali. Una tisana prima di andare a dormire potrebbe aiutare a conciliare il sonno.
Ridi, ridi e ridi.Non c’è cura migliore della felicità per tutti i mali! Circondati di persone e situazioni che ti fanno staccare dallo stress quotidiano.

Lunghi momenti di relax. Concediti un massaggio almeno due volte a settimana, te lo meriti! Un massaggiatore esperto dovrebbe diventare il tuo miglior alleato contro lo stress e ShapeMe lo sa!

 

 Prenota un massaggio

relax stress

Scritto da:
Giulia Merenda