Da qualche anno a questa parte i planning delle palestre hanno iniziato ad introdurre di corsi di “Allenamento Funzionale” o “Functional Training”. Ben più di una moda momentanea, il funzionale è ormai una realtà di successo. Ma scopriamo qualcosa di più su questa modalità di allenamento..

Innanzitutto il Functional Training nasce negli Stati Uniti come metodo di riabilitazione, usato per aiutare a curare i disturbi del movimento riprogrammando i patterns motori e rendere i pazienti nuovamente indipendenti usando movimenti naturali e adattati allo stile di vita quotidiano.

L’allenamento funzionale è un’attività motoria che può essere eseguita in palestra o all’aperto, finalizzata a migliorare il movimento dell’uomo e l’esecuzione delle funzioni motorie quotidiane.

Qualsiasi movimento quotidiano è dato dalla sinergia muscolare e articolare, dall’alzarsi dal letto mattino al correre per prendere l’autobus. Proprio perché intende rispecchiare i gesti della vita di tutti i giorni, nell’allenamento funzionale non è previsto l’isolamento muscolare “artificiale” che si trova nelle tradizionali sale attrezzi della palestra.

Si tratta di un allenamento a 360°, completo e mirato a sviluppare tutte le capacità motorie grazie all’acquisizione di nuovi schemi motori. Le capacità coinvolte sono sia quelle condizionali come forza, potenza e resistenza, che quelle coordinative ovvero agilità, equilibrio, controllo motorio e posturale sia la mobilità articolare.

I principi che vengono seguiti nell’allenamento funzionale sono i seguenti:

  • Deve essere eseguito su tutti i piani (trasversale, frontale, sagittale);
  • Svolto in condizioni di equilibrio precario per coinvolgere tutti i muscoli;
  • Coinvolgere il maggior numero di articolazioni possibile;
  • Tenere presente che fascio addominale-lombare è il centro del corpo ed è essenziale per migliorare l’attività fisica.

L’allenamento funzionale è quindi costituito da una serie di esercizi mirati a lavorare non sul singolo muscolo ma sulla globalità della massa muscolare. Si usano diversi piccoli attrezzi: Swissball, Kettlebell, Bulgarian, TRX.. L’utilizzo degli attrezzi mira a rendere l’esercizio più instabile, così da attivare i muscoli più profondi per creare stabilizzazione.

L’obiettivo è il “core training” e quindi il rinforzo dei muscoli profondi di tronco e bacino. Il core è il centro del nostro corpo, e stabilizzarlo permetterà di creare un corpo in grado di adattarsi ed affrontare qualsiasi esercizio dal sollevamento di un peso a un rapido ed agile spostamento al mantenimento dell’equilibrio in una posizione di instabilità.

Generalmente i corsi di Functional Training prevedono una fase iniziale di riscaldamento generale, e poi una parte più intensa, che di solito viene organizzata in stazioni a circuito con diversi esercizi così da attivare tutti i distretti muscolari del corpo, costituita da 20 secondi circa di lavoro e 10 di recupero, o in alternativa da un numero di ripetizioni di un particolare esercizio da eseguire con i propri tempi.

Questa modalità di allenamento permette ad ognuno di intensificare o rallentare l’esecuzione secondo le proprie esigenze, variando l’intensità di carico, il numero di ripetizioni o la velocità di esecuzione, consente inoltre di rendersi velocemente conto dei propri miglioramenti, aspetto molto utile per arrivare in palestra motivati e sempre con una maggiore voglia di fare!

L’esecuzione di esercizi diversificati e progressivamente più complessi, rende questo tipo di allenamento divertente e mai monotono! Permette inoltre di mettersi alla prova anche psicologicamente e caratterialmente, stimolando la volontà di mettersi alla prova in condizioni di difficoltà.

Il termine funzionale richiama l’utilità che questo allenamento deve assumere a seconda dei propri obiettivi. Per questo risulta ottimale anche per chi svolge altre attività sportive, e vuole migliorare le proprie condizioni fisiche e potenziare le prestazioni sportive.

Oltre ai benefici fisici come il miglioramento della stabilità e della forza muscolare e il miglioramento nel recupero fisico, l’allenamento funzionale migliora le capacità complessive del corpo e trattandosi di un attività molto intensa garantisce anche risultati estetici apprezzabili in tempi relativamente brevi.

Anche lo spazio dedicato all’allenamento funzionale è molto basic, proprio per richiamare il ritorno ad un’attività che è poco fumo ma molto arrosto! Si utilizzano spazi spartani e piccoli attrezzi usati nei modi più diversi, insomma risulta perfetta per chi non apprezza i macchinari sofisticati dei piani palestra ma preferisce un’attività completa che fa faticare davvero!

Scritto da:
Gianluca Dalmonte
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato su tutte le ultime novità del Wellness per privati e per aziende!