Soprattutto nelle grandi città, lo yoga viene consigliato e praticato fin dall’infanzia. È, infatti, indicato a partire dai 3 anni.

Perché iscrivere proprio figlio a un corso? Per almeno tre buone ragioni?

1. Lo yoga migliora la concentrazione.

Chi insegna yoga ai bambini lo fa con modalità diverse riseptto ai corsi per adulti, perché i piccoli hanno bisogno di muoversi e divertirsi

L’approccio è ludico, giocoso, e ha lo scopo di permetterei ai bimbi di divertirsi, liberare la mente e concentrarsi allo stesso tempo.

2. Lo yoga aiuta i bambini a conoscere il proprio corpo.

Il gioco combinato con lo yoga insegna al bambino a conoscere il proprio corpo e a svilupparlo in modo armonioso attraverso gli àsana (cioè le posizioni yoga).

Inoltre, il bimbo fa propri alcuni principi che sono il fondamento dello yoga:

• “YAMA”, cioè non violenza, verità, onestà, controllo di sé attraverso la consapevolezza delle proprie emozioni
• “NIYAMA”, cioè accontentarsi, non volere ciò che hanno gli altri ma apprezzare ciò che si ha.

3. Con lo yoga, il bambino impara a respirare e rilassarsi

Attraverso lo yoga, quindi, il bambino ha la possibilità di entrare in contatto con la sua forza interiore, riuscire a mantenere l’attenzione, la concentrazione, scoprire e percepire un mondo misterioso e fantastico dentro di sé; imparare a respirare prendendo coscienza di questo atto vitale; migliorare forza, resistenza, equilibrio, coordinazione, flessibilità, e agilità.

Per queste ragioni, lo yoga è una pratica adatta a qualsiasi bambino, ma è particolarmente indicate per bambini ipercinetici, aggressivi, ansiosi o che presentino disturbi dell’attenzione e dell’apprendimento.

Scritto da:
Gianluca Dalmonte
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato su tutte le ultime novità del Wellness per privati e per aziende!