La cellulite rappresenta un fattore antiestetico dell’epidermide che da sempre le donne,da quelle più in sovrappeso a quelle con un fisico più longilineo, cercano di combattere. Molte di queste credono che sia sufficiente una buona crema per sconfiggerla, fondamentale invece è anche saperla applicare. E’ormai garantito infatti che un massaggio specifico aiuti a ridurre la cellulite e a volte anche ad eliminarla.

Numerosi sono i professionisti che praticano tali tipi di massaggi. Ma un efficace massaggio anticellulite può essere eseguito anche con il fai da te.

I risultati non saranno immediati, ma per accorgersi del miglioramento sono necessarie un minimo di 6 settimane. Per questo motivo fondamentale sarà eseguire l’automassaggio con una certa costanza. Bisognerà infatti ripeterlo almeno 3 volte a settimana, magari sotto o subito dopo la doccia, e dovrà durare almeno 20 minuti, al di sotto dei quali sarà difficile ottenere i risultati desiderati. Inoltre consigliabile è eseguirlo al risveglio e poi la sera prima di andare a letto. La prima cosa da fare è procurarsi una lozione per massaggi come quello drenante o quelle specifiche contro la cellulite.

Il massaggio deve sempre essere eseguito con movimenti che vanno dal basso verso l’alto. Per favorire il ritorno venoso e la posizione ideale da assumere è da sedute o da sdraiate con le gambe leggermente sollevate.

Il massaggio alle gambe

Qualsiasi massaggio anticellulite deve partire dalla caviglia e salire lentamente di pochi centimetri alla volta fino all’inguine, con una pressione ogni volta maggiore, non conta infatti se la cellulite è sulle cosce o sui fianchi, la gamba dovrà essere trattata interamente, solo così il processo di drenaggio funzionerà.

  • Inizia con una frizione leggera, cioè con lunghi e fluidi movimenti che accarezzano la gamba in direzione del cuore, utili a preparare la zona a gesti più energici. Appoggia le mani e piega leggermente le dita in modo da seguire i contorni della zona da massaggiare. Ricordati di frizionare sempre in un senso: in direzione del cuore se massaggi gambe e fianchi; con moto circolare e in senso orario, invece, se massaggi l’addome.

1

  • Continua con l’impastamento, solleva un bel pezzo di carne,staccalo dalla struttura sottostante, e strizzalo. Puoi effettuare l’impastamento con le dita, che risulta più adatto per le zone piccole o con tutta la mano, che funziona meglio nelle zone più larghe. Se utilizzi le dita solleva la pelle, tra il pollice e la punta delle dita, e strizzala. Per impastamento a mano si intende invece sollevare e strizzare la pelle con tutta la mano. Rimani in piedi quando massaggi la parte alta delle cosce e la parte alta dei fianchi. Per le altre parti della gamba invece, è meglio appoggiarsi in modo tale che i muscoli possano rilassarsi.

2

  • Procedi con il picchiettamento, ovvero con le dita piegate e con le nocche che fanno pressione sulla pelle esegui un movimento in senso circolare. Se la cellulite è di tipo solido o duro, data l’impossibilità di sollevare e strizzare, questa fase di massaggio segue direttamente la frizione leggera. Il picchiettamento è ideale per il trattamento di fianchi, parte alta delle cosce e addome.

3

  • Il massaggio a forma di “S”. Con entrambi i pollici e con le dita di ambedue le mani solleva un pezzo di carne. Con le mani fai un movimento di moto opposto, formando una piega a forma di “S”. Manipola lo strato di pelle in modo lento e fermo. Compi questo movimento sull’addome, sui fianchi, le cosce, la zona intorno al ginocchio, sia all’interno, sia all’esterno.

4

  • La torsione. Poggia le mani sulla zona da massaggiare e curva avanti e indietro la pelle, come se si trattasse del massaggio a forma di “S” ma senza sollevare la carne. La torsione può esser fatta sia con le gambe allungate sia da seduti, a patto che i muscoli delle gambe siano completamente rilassati.

5

  • Concludi con la frizione profonda, un movimento energico che va in direzione del cuore. Allo stesso modo della frizione leggera poggia la mano, piatta, e curva leggermente le dita. Con un movimento vivace, esercita pressione in direzione del cuore mentre frizioni  le gambe e i fianchi.  Con moto circolare se massaggi l’addome.

6

 

Il massaggio ai glutei

L’automassaggio ai glutei è molto più semplice, ma devi comunque ripeterlo otto volte per gluteo, per non meno di 20 minuti in totale. Mettiti in ginocchio e stendi sui glutei un po’ di lozione e massaggia con dei movimenti circolari. Poi, posizionando le mani nella parte bassa del gluteo, muovetela su e giù. Appoggia un piede di fronte a te, pizzica il rispettivo gluteo con entrambe le mani. Procedi con l’impastamento, aumentando l’intensità. Ripeti lo stesso trattamento con l’altro gluteo.

Come hai visto, l’automassaggio è un metodo percorribile per combattere la cellulite, ma richiede un po’ di pratica e molta disciplina perché dia dei risultati. Se vuoi rilassarti e far sì che se ne occupi un professionista, prenota un massaggio linfodrenante su Shapeme.

 

 

Fonti:

Scritto da:
Francesca Petrachi
Iscriviti alla nostra Newsletter
Resta aggiornato su tutte le ultime novità del Wellness per privati e per aziende!