Le giornate in azienda sono lunghe e impegnative.

Infatti, esse mettono alla prova il nostro benessere psicofisico e si svolgono mantenendo sempre una regola ben precisa: rispettare le scadenze.

Avere dei compiti da terminare entro dei limiti di tempo, può rivelarsi particolarmente snervante e ognuno di noi affronta questo impegno, con più o meno ansia, accusando lo stress in diverse misura.

Trovarsi a dover gestire modifiche a progetti o interruzioni improvvise, ad esempio, può generare un aumento di pressione. Diventa dunque fondamentale essere in grado di superare le continue “prove del 9” a cui siamo sottoposti.

Qualche idea su come fare?

Innanzitutto è fondamentale mantenere il controllo. Lasciarsi andare troppo per quanto riguarda la sfera emotiva può causare la perdita di lucidità. Il rischio consiste nell’essere penalizzati o peggio ancora nel non riuscire a prendere delle decisioni.

Un’altro passaggio chiave è di carattere analitico: la capacità di valutare il problema è uno strumento da non sottovalutare, poichè da esso dipende il prosieguo delle nostre azioni e lo spirito con cui esse verranno eseguite. Per attribuire un livello di priorità alla situazione in cui ci troviamo, risulta utile rispondere alle 5 W del giornalismo: chi, cosa, quando, dove, perchè. Risolti questi quesiti, saremo già un passo avanti nella risoluzione delle nostre prerogative.

L’ultimo step consiste nell’organizzare un piano mentale, in grado di fornirci un modello base di comportamenti.

Questo procedimento, se effettuato con successo, sarà riutilizzato quando ci troveremo in situazioni analoghe. Peccato che ci possa anche capitare di dover sbrogliare un bandolo della matassa che non abbiamo mai avuto davanti.

In quel caso bisogna essere maggiormente reattivi, dal momento che saremo chiamati ad individuare la materia da trattare, e a risolvere la nostra situazione programmando i passi successivi da realizzare.

Per dare una mano alle aziende, e in particolare ai propri dipendenti, la società di risorse umane Michael Page ha stilato un elenco di consigli, affinchè la vita in azienda goda di maggiori benefici. Questo elenco affronta diversi temi su cui discutere e riflettere:

  • Modellare l’ambiente di lavoro, al fine di essere produttivi e a proprio agio. Ad esempio, avere delle piante permette di catalizzare l’attenzione che potrebbe rivelarsi fondamentale per qualche idea da trascrivere su delle lavagne a muro.
  • Il tempo è dalla nostra parte. Concentrarsi sugli obiettivi a breve termine innesca un aumento della concentrazione, fondamentale per rispettare le scadenze. È importante fissare bene i diversi compiti che bisogna svolgere in modo da non rischiare di dimenticarli. Sicuramente la Mindfulness, che già conoscerete, rappresenta una pratica utile in tal senso.
  • Raggiungere l’equilibrio. In molti casi occorre distribuire al meglio la mole di lavoro, in modo da non stressarsi più del dovuto in un singolo giorno. Ad esempio, le email possono attendere fino al mattino seguente mentre il benessere personale deve essere una priorità per il dipendente.
  • Sfruttare la pausa. Momento breve ma sacro – di solito un’ora – in cui è preferibile staccare completamente la vista da ciò che si sta svolgendo in modo da ricaricarsi in vista del prosieguo della giornata. Mangiare qualcosa e prendere una boccata d’aria, infatti, possono essere di grande aiuto!
  • Parlare con i colleghi. Dialogare con le persone con cui condividiamo le nostre giornate in ufficio ci darà senz’altro una grossa mano. Non abbiate paura di chiedere un parere, un’opinione esterna è sempre utile per un confronto produttivo.
  • Avere passione. Svolgere la nostra occupazione con sensazioni positive come la passione, è fondamentale per il benessere e l’equilibrio. Oltre a quella in ufficio, bisogna coltivare le proprie passioni nel tempo libero.
  • Lo smart working. Se l’azienda lo consente, lavorare da remoto anche solo un paio di ore o un giorno a settimana, permette di aumentare la soddisfazione e di abbandonare la routine d’ufficio. La qualità e le tempistiche del lavoro sono il fulcro del successo del lavoro agile, con spazi sempre più presenti nelle proprie abitazioni.
  • Mantenere una posizione corretta. Ultimo punto in elenco, ma non come importanza, è l’assunzione di una postura ideale in ufficio. Il tema è più che mai importante per ShapeMe, tanto da essere trattato in uno dei vari Workshop che rivolgiamo alle aziende.

Per scoprire questo, e molto altro ancora, visita il nostro sito e proponi alla tua azienda un modello di benessere vincente!

Scritto da:
Dario D'Antoni